Apparecchi di Misura

L’ampia tipologia degli apparecchi di misura utilizzati estende l’oggetto di indagine al contenuto di radon-222, toron e prodotti di decadimento, oltre che nell’ aria inalata per respirazione, anche nelle acque, nel suolo e nelle emanazioni dal terreno e dai materiali edili, concause delle elevate concentrazioni di gas che comunemente si riscontrano nei luoghi chiusi. E permette l’analisi, laddove utile o necessaria, di parametri più accurati come il fattore di equilibrio tra radon e sua progenie.

cropped-cropped-esposizione-di-alcuni-apparecchi2.jpg

Esposizione di alcuni apparecchi

La dotazione strumentale comprende numerosi apparecchi, destinati alla misura del radon, del toron e della loro progenie radioattiva, in contesti diversi. La maggior parte è destinata alla misura in aria in ambienti confinati, con rivelatori a stato solido, a camera di ionizzazione e a scintillazione. Alcuni accessori consentono le misure del contenuto di radon in acqua, nel suolo, nel flusso aereo di emanazione dal suolo e nel rilascio da parte dei materiali edili.

A seconda della sensibilità e delle modalità di introduzione dell’aria, sono impiegati per monitoraggi ambientali a breve/medio termine con evidenziazione dell’andamento temporale, oppure per osservare il contenuto “istantaneo” di radon in aria ambiente e nei flussi d’aria nonché le variazioni della sua attività durante le modifiche delle condizioni di ventilazione.

Gli strumenti più semplici sono disponibili in collezioni numerose al fine di soddisfare l’esigenza di monitoraggio simultanea in molti punti di misura.

Tutti gli apparecchi dotati di memoria consentono la registrazione dei dati con successive analisi ed elaborazioni eseguite al computer.

Misure intensive sul campo1

Misure intensive sul campo

Nella dotazione strumentale sono presenti tre apparecchi di prima linea periodicamente sottoposti al procedimento standard di taratura in atmosfera controllata presso i Centri di Calibrazione accreditati ufficialmente.

In frequenti occasioni tutta la collezione di strumenti  viene sottoposta nel nostro laboratorio a interconfronto di verifica e taratura secondaria riferita agli apparecchi di prima linea.

In varie opportunità si eseguono i confronti con altre apparecchiature di diversa provenienza in condizioni ambientali reali (foto: interconfronto in locale tecnico sotterraneo caratterizzato da elevata attività volumica di radon).

L’impiego della strumentazione elettronica per la misura del radon costituisce un aiuto fondamentale per individuare le modalità di intervento più convenienti laddove si richieda una riduzione  della sua concentrazione e dei suoi effetti nocivi sulla salute.